Trasformare le acque reflue urbane in acqua pulita

Pubblicato il 27 febbraio 2019 da redazione

cyperus papyrus

Alcuni ricercatori europei hanno sviluppato un’applicazione su vasta scala di una tecnologia eco-compatibile che tratta le acque reflue con costi a energia zero.

A prima vista sembrano piccoli giardini a Carrión de los Céspedes, vicino a Siviglia, in Spagna. In realtà, sono cinque piccoli serbatoi, ciascuno di circa 24 metri quadrati, in cui i batteri “elettrici” stanno purificando le acque di scarico delle vicine città di circa 2.500 abitanti.

“Nel 2010, quando ho scoperto la bellezza delle paludi artificiali, ho deciso di applicare le mie conoscenze sulle tecnologie elettrochimiche microbiche”, ha spiegato il professore Abraham Esteve-Núñez, dell’Università di Alcalá a Madrid. Ha migliorato i tradizionali sistemi di filtraggio utilizzando materiale conduttivo per riempire le zone umide, che funge così da supporto fisico ai batteri che quando consumano rifiuti organici producono elettricità .

“La combinazione di batteri elettroattivati con materiale elettroconduttivo ha portato a tassi di depurazione dieci volte più alti rispetto a quelli ottenuti con le tecniche tradizionali”, ha affermato Arantxa Aguirre, del Centro per le Nuove Tecnologie Idriche (CENTA). “Abbiamo anche piantato Cyperus papyrus e Iris pseudacorus. Queste piante aiutano a rimuovere l’azoto e il fosforo, e il loro effetto principale è l’aerazione del letto, perché l’ossigeno attraversa le piante nel letto del serbatoio. ”

 

Inoltre, il sistema evita l’intasamento da sedimenti nei biofiltri e il risultato è una biomassa molto bassa. I batteri rimuovono gli inquinanti dalle acque reflue e, dopo il trattamento elettro-ossidativo, il processo produce acqua, senza agenti patogeni e adatta all’irrigazione. Ogni giorno si possono pulire fino a 25.000 litri  d’acqua.

Ciò che rende la tecnologia particolarmente innovativa è il modo in cui il metabolismo dei batteri elettroattivi converte l’inquinamento in elettricità. Più i batteri mangiano, più elettricità viene stoccata. Gli operatori possono monitorare l’efficacia dei batteri nella rimozione di contaminanti attraverso strumenti IT intelligenti appositamente progettati.

La ricerca del team della dott.ssa Esteve Núñez è stata sostenuta grazie al progetto europeo iMETland che ha come priorità di trattamento delle acque in generale e di quelle reflue, l’iniziativa è EIP-acqua.

iris pseudacorus

Una delle sfide del progetto consisteva nel far fronte a condizioni concrete come cambiamenti stagionali imprevisti, quindi i test sono stati fatti in zone umide e in diversi climi europei, dalla calda estate mediterranea della Spagna al freddo inverno della Danimarca.

La tecnologia è stata, infatti, sperimentata con successo nel villaggio di Ørby, a nord-est di Haderslev, in Danimarca, dalla Aarhus Universitet. “In Spagna e in Danimarca abbiamo usato gli stessi batteri, anche se la qualità delle acque di scarico domestico è diversa, perché in Spagna usano più olio d’oliva e cibo fritto rispetto al Nord Europa”, ha spiegato il dott. Carlos Arias.

Le principali difficoltà, ha aggiunto, erano per lo più burocratiche, “perché si tratta di un sistema sconosciuto, e i comuni locali avevano paura di rendersi responsabili di qualcosa che poteva funzionare male. Quindi abbiamo dovuto sostenere diversi incontri per convincere le autorità locali e alla fine abbiamo ottenuto il permesso di sperimentare il sistema sul campo e mantenere quanto avevamo promesso “.

Attualmente è testato anche in Argentina e in Messico. Ma la tecnologia ha già superato sia la ricerca sia i progetti pilota ed è pronta a un test su vasta scala.

Santiago Otero, della società di servizi professionali PwC, ha sottolineato gli alti impatti sulla sostenibilità in termini di riduzione di CO2 e sul risparmio idrico. “È stato stimato che bastano circa 200.000 euro per costruire delle infrastrutture e poco personale per gestire il biofiltro. ”

la Redazione

 

Link
http://imetland.eu/news/turning-urban-sewage-clean-water-thanks-electric-bacteria/

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK