La parità di genere nella scienza

Pubblicato il 11 marzo 2017 da redazione

parita-genere

 

La parità di genere nella scienza varia ampiamente a seconda del paese e del campo di ricerca.

Le donne pubblicano ancora un numero minori di articoli rispetto agli uomini, e hanno molte meno probabilità di essere elencate tra i primi autori di un documento.

Secondo i dati di Scopus, un database di abstract e citazioni di oltre 62 milioni di documenti, 27 aree tematiche, nei periodi 1996-2000 e 2011-15, in 12 paesi e regioni del mondo, i ricercatori elencati come autori su almeno una pubblicazione in almeno uno dei due quinquenni, le ricerche delle donne potrebbero essere meno pubblicate, anche se i tassi di citazione indicano che il loro lavoro è scientificamente altrettanto importante.


rapporto gender 20017

Tuttavia, Cassidy Sugimoto, uno scienziato che studia le disparità di genere presso l’Indiana University di Bloomington, fa notare che ci si aspetterebbe di vedere citati uomini e donne in rapporti simili, perché molti tipi di studi hanno più autori che rappresentano più di un genere. Il piccolo numero delle autrici, rileva che le disuguaglianze nella scienza oggi esistono ancora.

“Questo rapporto dimostra e rafforza”, dice Sugimoto, riferendosi al calo percentuale di donne nelle fasi succesive delle ricerche, “l’aumento del numero di donne ricercatrici e, in particolare, un aumento delle donne come prime autrici, ma questi tassi non procedono allo stesso modo. Abbiamo un problema di flussi che il tempo non cancella.”

 

La soluzione non è semplice

“Le donne devono superare una serie di ostacoli nel campo della scienza”, dice Sugimoto, “che vanno dalla discriminazione sessuale conscia e inconscia alle aspettative del ruolo delle donne nella cura dei bambini e l’assistenza agli anziani”.

Sugimoto avverte che “impiegare le donne semplicemente per rivedere gli studi non risolve il problema”.

La relazione conferma i risultati di molti studi precedenti sulle disparità di genere nella ricerca. E anche se la percentuale complessiva delle donne nella scienza è cresciuta, i tassi tra paesi o discipline sono quasi uguali .

 

gender proprietà intellettuale_2017

In Giappone, la percentuale di ricercatrici è aumentata solo del 5% tra i due periodi di studio, mentre in Brasile, è aumentata del 11%. Le donne sono state anche rappresentate in modo diseguale nei diversi campi scientifici. Anche se sono presenti nella Biologia e nelle Scienze Biomediche, poche donne sono specializzate nelle scienze fisiche. E quando il rapporto analizza i dati sui brevetti dalla World Intellectual Property Organization, si scopre che solo il 14% delle persone che depositano le domande di brevetto nel 2011-15 sono donne.

Quello che il rapporto dimostra è che le disparità di genere non sono uguali in tutto il mondo, ma sono presenti in tutto il mondo.

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK