InsuResilience: rassicurare 400 milioni di persone, le più povere e vulnerabili, entro il 2020

Pubblicato il 26 novembre 2017 da redazione

InsuResilience

L’iniziativa “InsuResilience” per le persone vulnerabili si sposta nella nuova fase, quella più ambiziosa.

Bonn / Berlino, 14 nov. – Un’iniziativa internazionale volta a fornire assicurazioni a 400 milioni di persone più povere e vulnerabili entro il 2020 è passata alla fase successiva, con l’annuncio di finanziamenti aggiuntivi e molti altri partner.

L’InsuResilience Global Partnership for Climate and Disaster Risk lanciata alla Conferenza ONU sul clima del 2017 a Bonn il 14 novembre, riunisce ora i paesi del G20 in collaborazione con le nazioni V20.

Il V20 è un gruppo di 49 dei paesi più vulnerabili tra cui piccole isole come le Figi che detiene la Presidenza della conferenza di quest’anno: COP23.

InsuResilience_6

InsuResilience_5

La Germania ha unito le forze con i suoi partner, la presidenza etiopica del V20, il Regno Unito e la Banca mondiale, al fine di lanciare questo partenariato globale.

“Il partenariato globale è una risposta pratica ai bisogni di coloro che subiscono perdite a causa dei cambiamenti climatici e sono molto orgoglioso che sia accaduto durante la Presidenza della COP delle Fiji. Allo stesso tempo, è un mezzo per prepararsi a “Una forma elastica di sviluppo per coloro che dovranno adattarsi alla grande sfida del cambiamento climatico”, ha detto il presidente della COP23 e il primo ministro delle Fiji Frank Bainimarama.

Thomas Silberhorn, Sottosegretario di Stato parlamentare presso il Ministro federale per la cooperazione e lo sviluppo economico, ha annunciato il sostegno per la nuova partnership globale di 125 milioni di USD come parte del lancio di oggi.

Ciò segue l’impegno di 30 milioni di sterline sottoscritto dal governo britannico nel luglio 2017 per il partenariato tramite il suo Centro per la protezione globale dai disastri.

L’annuncio arriva sulla scia di un anno di eventi meteorologici estremi dannosi e devastanti che hanno colpito paesi e comunità in Asia, nei Caraibi orientali e nelle Americhe con alcuni degli eventi descritti dagli scienziati come “senza precedenti”.

Il partenariato globale sostiene l’analisi dei dati e dei rischi, l’assistenza tecnica e lo sviluppo di capacità in base alle esigenze e priorità dei paesi, alla progettazione di soluzioni di finanziamento del rischio concreto e alle soluzioni assicurative, sostegno intelligente all’attuazione di tali programmi e sforzi di monitoraggio e valutazione.

Ciò varierà dai pool di rischio sovrani nel Pacifico, in Africa e nei Caraibi. Gli schemi assicurativi si concentrano sul meso e sul micro livello a beneficio dei piccoli proprietari, dei poveri urbani e di altri gruppi vulnerabili.

La fase successiva, annunciata oggi nell’ambito del partenariato globale, è volta a soddisfare l’impegno di fornire copertura e sostegno a 400 milioni di persone vulnerabili in più entro il 2020, mentre gli sforzi del partenariato globale vanno oltre l’obiettivo originario del G7.

L’InsuResilience Initiative è stata lanciata nel 2015 dal gruppo di nazioni del G7 sotto la presidenza tedesca.

Patricia Espinosa, segretaria esecutiva del segretariato delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, ha dichiarato: “Le persone devastate dagli eventi meteorologici e dalle comunità recenti vulnerabili agli impatti climatici guardano alle nazioni riunite a Bonn per avere risposte, sostegno e speranza per il futuro”.

“Questa nuova e più ambiziosa iniziativa rappresenta un brillante esempio di ciò che può essere dato quando governi progressisti, società civile e settore privato si uniscono alla creatività e alla determinazione per fornire soluzioni”, ha affermato.

InsuResilience_4

InsuResilience_3

“Questo partenariato globale riunisce gruppi importanti come il gruppo V20 costituito da quei paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici e il gruppo del G20 delle economie più forti del mondo insieme attorno a un tavolo in modo che possano unire le forze per aumentare la capacità di recupero delle persone povere e vulnerabili a gli impatti dei cambiamenti climatici. Invece di reagire solo alle catastrofi, vogliamo passare alla pianificazione, alla preparazione e alla protezione “, ha affermato Thomas Silberhorn.

Il nuovo partenariato globale arriva quando il segretariato delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico ha lanciato questa settimana anche una piattaforma online o Clearing House for Risk Transfer nell’ambito dell’Accordo sui cambiamenti climatici di Parigi che utilizzerà l’intelligenza artificiale per collegare i paesi alla ricerca di soluzioni assicurative innovative con i paesi che ne hanno bisogno.

A luglio 2017, durante il vertice di Amburgo, il G20 ha accolto favorevolmente la creazione di un partenariato globale per le soluzioni di finanziamento e assicurazione del rischio climatico e di emergenza. È quindi noto come “Partnership globale InsuResilience”.

Lo scopo del partenariato globale è aumentare la resilienza dei paesi in via di sviluppo e proteggere le vite e i mezzi di sussistenza di persone povere e vulnerabili dagli impatti dei cambiamenti climatici e dalle catastrofi naturali.

Nell’ambito del partenariato globale, attori chiave dei paesi in via di sviluppo e industrializzati, organizzazioni internazionali e banche di sviluppo, il settore privato, la società civile e la comunità scientifica lavoreranno insieme per sviluppare soluzioni concrete e pratiche che offrano protezione finanziaria contro i rischi climatici e i disastri naturali.

InsuResilience_2

 

Soluzioni finanziarie e assicurative innovative per i singoli paesi, adattate alle esigenze e alle sfide specifiche dei membri più poveri della popolazione in particolare, devono essere sviluppati e attuati attraverso il partenariato globale.

Il Fondo per l’assicurazione contro i rischi delle catastrofi caraibiche (CCRIF), ad esempio, è sostenuto con l’aiuto di InsuResilience. L’esempio più recente di sostegno è stato a settembre 2017, quando più di 55 milioni di dollari furono pagati in dieci paesi caraibici in soli 14 giorni dopo che gli uragani Irma e Maria avevano provocato disastri nelle isole.

Il denaro era usato in vari modi, ad esempio per comprare rapidamente medicine urgenti e per costruire rifugi di emergenza per le persone colpite dalle tempeste. In Zambia, InsuResilience supporta la compagnia di cotone NWK Agri-Services, che offre assicurazione diretta contro le intemperie e la sopravvivenza dei piccoli agricoltori a contratto.

Nel 2015, circa 52.000 agricoltori hanno deciso di acquistare un’assicurazione. A seguito di una grave siccità nel 2016, oltre 23.000 agricoltori hanno ricevuto dei risarcimenti economici.

Da un lato, il partenariato intende consentire ai governi di reagire più rapidamente e più specificamente in seguito a un disastro naturale.

D’altro canto, il partenariato è destinato a sostenere e migliorare i futuri sforzi dei governi per prepararsi a fronteggiare i rischi dovuti ai cambiamenti climatici e alle calamità naturali, collegando questi dispositivi all’uso di finanziamenti per il rischio e di assicurazioni. Questa combinazione di risposte, rapide e mirate, e l’agire con lungimiranza possono ridurre il numero di emergenze umanitarie, e aiutare le persone povere e vulnerabili a rimettersi in piedi più rapidamente dopo un disastro.

https://www.insuresilience.org/

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK