Il futuro del settore spaziale europeo

Pubblicato il 15 febbraio 2020 da redazione

feis

Il vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI) Ambroise Fayolle e il commissario per il mercato interno, l’industria, l’imprenditoria e le PMI, Elzbieta Bienkowska hanno colto l’occasione dell’undicesima conferenza sulla politica spaziale europea per presentare una nuova relazione su “Il futuro del settore spaziale europeo ”. Il rapporto, prodotto dalle iniziative congiunte Commissione europea-BEI InnovFin Advisory e European Investment Advisory Hub, istituito rispettivamente nell’ambito di Orizzonte 2020 e il Piano di investimenti per l’Europa, valuta l’attuale panorama degli investimenti nell’industria spaziale, identifica le lacune nel finanziamento e propone raccomandazioni chiave e soluzioni per migliorare le condizioni esistenti.

“L’ultimo rapporto della BEI sul finanziamento dei progressi tecnologici evidenzia le forze dirompenti che trasformano il settore spaziale che stanno sfidando allo stesso modo vecchi e nuovi giocatori. Fornisce una chiara tabella di marcia su come possiamo sfruttare i nostri attuali schemi di sostegno finanziario pubblico a livello nazionale e comunitario per accaparrarsi il tanto necessario capitale privato “, ha affermato il vicepresidente della BEI, Ambroise Fayolle, responsabile per l’innovazione.

“L’accesso ai finanziamenti rimane un ostacolo significativo per liberare il potenziale dell’imprenditoria spaziale europea all’interno e all’esterno dell’Europa: nella Strategia spaziale europea per il 2016, la Commissione ha quindi definito il finanziamento come un’area strategica e, in effetti, abbiamo prestato particolare attenzione allo spazio UE Programma per il prossimo periodo di bilancio dal 2021 al 2027. Il programma spaziale dell’UE in sinergia con Horizon Europe e InvestEU aprirà la strada verso una serie coerente e integrata di strumenti di finanziamento dedicati per le imprese spaziali in Europa. Dobbiamo lavorare senza soluzione di continuità, dall’idea allo sviluppo del business per rafforzare l’ecosistema spaziale. Le intuizioni del rapporto di oggi ci aiuteranno a progettare e implementare finanziamenti intelligenti per stimolare maggiori investimenti per lo spazio in Europa, un contributo fondamentale per un approccio europeo al Nuovo Spazio”, ha sottolineato la commissaria Elzbieta Bienkowska.

 

Finanza e il settore spaziale europeo

Il rapporto rileva che il settore spaziale europeo incontra ostacoli di finanziamento, simili a quelli di altri settori tecnologici, in particolare nella fase di crescita e commercializzazione. Gli imprenditori spaziali europei cercano finanziamenti soprattutto per R & S e lo sviluppo di prodotti e preferiscono capitali di rischio o private equity come fonti di finanziamento. Tuttavia, ritengono che vi sia una mancanza di tali fonti, con solo un numero limitato di fondi spaziali europei esistenti. Pertanto tengono d’occhio le opportunità di finanziamento al di fuori dell’UE. In particolare, negli Stati Uniti, i cicli di finanziamento sono maggiori e gli investitori con una maggiore propensione al rischio attraggono le imprese europee. La scarsità di finanziamenti su scala in Europa è un deficit critico, che spesso porta alla fuga di talenti e aziende.

Rispetto al settore privato, il panorama dei finanziamenti pubblici europei è relativamente forte. Le compagnie spaziali europee sottolineano il ruolo cruciale che svolgono gli strumenti di innovazione pubblica. Il 40% delle aziende intervistate nel rapporto cerca finanziamenti pubblici per sbloccare gli investimenti privati. Tuttavia, gli imprenditori hanno difficoltà a navigare tra le diverse opzioni di finanziamento possibili, poiché manca una suite coerente e integrata di strumenti di finanziamento dedicati per le aziende spaziali.

Nel complesso, conclude il rapporto, il panorama degli investimenti in Europa non è ottimale e rende difficile la commercializzazione delle tecnologie spaziali senza capitalizzare gli investimenti in ricerca e sviluppo.

 

Raccomandazioni chiave per rafforzare il settore spaziale europeo

Il rapporto raccomanda di rafforzare l’ecosistema spaziale in Europa rendendo il sostegno pubblico più flessibile e maggiormente orientato alla commercializzazione. Le istituzioni dell’UE dovrebbero pertanto concentrarsi su un migliore accesso al capitale di rischio e catalizzare ulteriori investimenti privati, attingendo all’esperienza con il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), che ha contribuito a sbloccare oltre 370 miliardi di euro di investimenti strategici e innovativi in Europa negli ultimi tre anni e mezzo.

Un’ulteriore raccomandazione del rapporto è quella di istituire un forum per “finanziare lo spazio” con rappresentanti della comunità finanziaria, del mondo accademico, dei responsabili delle politiche e dell’industria per sviluppare soluzioni di finanziamento innovative, poiché il settore spaziale non ha conoscenze in materia di finanza. Un forum regolare potrebbe contribuire a colmare il divario informativo attraverso la convocazione delle principali parti interessate, l’individuazione di esigenze di finanziamento specifiche e la discussione e lo sviluppo di potenziali nuovi modelli di finanziamento e soluzioni di co-finanziamento.

 

Perché lo spazio conta

L’economia spaziale globale ha raggiunto 309 miliardi di EUR nel 2017, con una crescita media del 6,7% p.a. tra il 2005 e il 2017. Questo è quasi il doppio della crescita annuale media dell’economia globale del 3,5%. Un aspetto che ha contribuito a questa crescita è stato “NewSpace”, una tendenza globale costituita da una serie di innovazioni tecnologiche e di modelli di business che hanno portato a una significativa riduzione dei costi e che ha portato alla fornitura di nuovi prodotti e servizi che hanno ampliato la base clienti esistente.

L’Europa è stata storicamente all’avanguardia delle esplorazioni spaziali, investendo massicciamente in infrastrutture spaziali come i programmi Copernico e Galileo. Vanta ancora eccellenza accademica e scientifica ma, come sottolinea il rapporto della BEI, rischia di perdere la prossima ondata di innovazione spaziale a meno che non colga l’opportunità di stimolare maggiori investimenti nel nuovo settore spaziale.

Tuttavia, non contano solo alti tassi di crescita. Finora, il settore spaziale europeo ha contribuito a migliorare la vita in molti modi:

Rispondere alle catastrofi naturali: nel 2017, le mappe di Copernico che mostravano l’entità dei danni hanno aiutato le squadre di soccorso ad affrontare gli incendi boschivi (Italia, Spagna, Grecia e Portogallo), i terremoti (Messico), gli uragani (paesi colpiti dagli uragani Harvey, Irma e Maria) e inondazioni (Irlanda, Germania), tra gli altri.

Salvare vite in mare: Copernicus sostiene le missioni dell’Agenzia europea di guardia costiera e di frontiera nel Mediterraneo, aiutando a individuare le navi non sicure e salvare le persone. Galileo può essere utilizzato su tutte le navi mercantili di tutto il mondo, aumentando l’accuratezza e il posizionamento più resiliente per una navigazione più sicura.

Ricerca e salvataggio: un nuovo servizio Galileo riduce il tempo necessario per rilevare una persona equipaggiata con un segnale di soccorso a meno di 10 minuti in una varietà di località, tra cui in mare, in montagna o nei deserti e nelle aree urbane.

Monitoraggio delle fuoriuscite di petrolio: l’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) utilizza i dati di Copernicus per la fuoriuscita di petrolio e il monitoraggio delle navi.

Atterraggio di aeroplani: 350 aeroporti in quasi tutti i paesi dell’UE stanno attualmente utilizzando EGNOS, rendendo più sicuro lo sbarco in condizioni meteorologiche difficili, evitando così ritardi e reinstradamento.

Sicurezza stradale: dall’aprile 2018, Galileo è stato integrato in ogni nuovo modello di auto venduto in Europa, supportando il sistema di risposta alle emergenze eCall. A partire dal 2019, sarà integrato nei tachigrafi digitali dei camion per garantire il rispetto delle regole del tempo di guida e il miglioramento della sicurezza stradale.

Agricoltura: l’80% degli agricoltori che utilizzano la navigazione satellitare per l’agricoltura di precisione sono utenti di EGNOS. E i dati di Copernico vengono utilizzati per il monitoraggio delle colture e la previsione delle rese.

 

Informazioni di base

Nell’ambito di Orizzonte 2020, il programma di ricerca e innovazione dell’UE per il periodo 2014-2020, la Commissione europea e il gruppo BEI (BEI e FEI) hanno lanciato una nuova generazione di prodotti finanziari e servizi di consulenza per aiutare le imprese innovative ad accedere più facilmente ai finanziamenti. InnovFin – Finanziamento dell’UE per gli innovatori offre una gamma di prodotti su misura che consentiranno di finanziare oltre 15 miliardi di euro di finanziamenti per ricerca e innovazione (R & I) a favore di piccole, medie e grandi imprese e promotori di infrastrutture di ricerca. Si prevede che questo finanziamento sosterrà fino a 48 miliardi di euro di investimenti finali in ricerca e innovazione.

InnovFin Advisory, un’iniziativa congiunta della Commissione europea-BEI nell’ambito di Orizzonte 2020, mira a migliorare la “bancabilità” e la prontezza agli investimenti dei progetti che necessitano di investimenti sostanziali e a lungo termine. Fornisce inoltre consulenza per migliorare le condizioni di accesso al finanziamento del rischio per R & I e fornisce consulenze sulla creazione di piattaforme tematiche di investimento. I principali clienti previsti sono promotori di progetti di ricerca e innovazione che affrontano le sfide sociali di Orizzonte 2020. InnovFin Advisory ha un ampio portafoglio di attività orizzontali e una solida esperienza nel fornire consulenza a società innovative per migliorare l’accesso alla BEI e / o altri finanziamenti.

Lo European Advisory Advisory Hub è un’iniziativa congiunta della Commissione europea e della Banca europea per gli investimenti nell’ambito del piano di investimenti per l’Europa. L’Hub fornisce l’accesso a una serie di programmi e iniziative di consulenza e assistenza tecnica, anche attraverso la sua rete di istituzioni partner. I promotori di progetti, le autorità pubbliche e le società private possono ricevere supporto tecnico per contribuire a far decollare i loro progetti, renderli pronti agli investimenti, ottenere consulenze su fonti di finanziamento adeguate e accedere a una gamma unica di competenze tecniche e finanziarie.

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK