Hilda Bastian, dal 2015, sta popolando Wikipedia di scienziate

Pubblicato il 11 marzo 2017 da redazione

Wikipedia lancia una Campagna per scoprire i volti nascosti della scienza al femminile e cerca di rintracciare le foto di scienziate e di quelle provenienti da gruppi etnici minoritari.

Uno sforzo per aggiungere foto di minoranza e scienziate a Wikipedia che comprende questa foto di Evelyn Fields (seconda a sinistra, nella foto nel 1974). Lei è la prima donna afro-americana e la prima a guidare il corpo degli ufficiali alla US National Oceanic & Atmospheric Administration.

Hilda Bastian, nel 2015, organizzando una ricerca per la US National Institutes of Health, per evidenziare il lavoro delle scienziate, si rese infatti conto di quanto fosse difficile trovare foto di donne scienziate.

“Ho scansionato migliaia di foto digitali passandomi in rassegna numerose gallerie di immagini, attraverso le pagine di Wikipedia“, dice Bastian, che lavora a Washington DC come editor per PubMed Salute, un servizio di informazione sanitaria – a cura del US National Library of Medicine.

 

 

Bastian ha notato una “forte polarizzazione” verso le foto di uomini e donne scienziati bianchi. “Sentivo la mia immagine di scienziata nella storia che cambiava.

Così per il Black History Month, del mese di febbraio, ha deciso di cercare le foto di ricercatrici afroamericane e aggiungerle alle loro rispettive pagine di Wikipedia. Il suo progetto è proseguito fino a marzo e ora include scienziate provenienti da altri ambiti sotto-rappresentati. Ha inoltre appena lanciato un account Twitter: @MissingSciFaces.

Euphemia Haynes (nella foto del 1914), è la prima donna afro-americana che ottiene un dottorato di ricerca in matematica e Aprille Ericsson-Jackson, un ingegnere aerospaziale della NASA.

“E ‘così importante per tutti noi, per non finire per diventare invisibili, annegati negli archivi storici e sociali degli scienziati, che hanno sempre sprofondato di più le nostre quote”, scrive in Bastian.

“E’ incredibile come facilmente le donne vengano trascurate”, dice Alice Dreger, uno storico della scienza, che ha inviato un tweet di approvazione del progetto. “E ‘importante riconoscere il successo delle donne nella scienza, così come le lotte che continuano ad affrontare.”

 

L’effetto Matilda

Bastian vuole che altri la aiutino, e ha scritto una guida su come raccogliere le immagini. Un sacco di materiale è disponibile on-line, scrive, ma richiede un po’ di ricerca. E consiglia di passare al setaccio Google Immagini, Flickr Commons, Newspapers.com, o addirittura di avvicinare i ricercatori o le loro famiglie o scattare foto di scienziate alle conferenze.

Fa notare che ottenere immagini prive di copyright è una problema per il progetto: solo le immagini di pubblico dominio possono essere pubblicate in una pagina Wikipedia, ad esempio, tramite repository del sito Wikimedia Commons.

 

Anatra International Research Laboratory, Cornell Univ.

Jessie Price.

 

La Cornell University ha rilasciato nel pubblico dominio questa immagine di Jessie Price (secondo da destra), una microbiologa veterinaria.

Il progetto di Bastian si propone di affrontare un fenomeno noto come il ‘Matilde Effect’ – un pregiudizio contro le donne che assegna la paternità della loro opera ai loro colleghi maschi. “Mentre l’effetto Matilda riguarda il pregiudizio contro le donne, non c’è alcun dubbio che il pregiudizio contro gli scienziati di gruppi sottorappresentati è ancora più grave”. Lo sforzo di Bastian è un piccolo passo per ristabilire l’equilibrio, ma è “molto concreto e perseguibile”.

Questo mese, Bastian prevede di sistematizzare le liste delle scienziati donne afroamericani su Wikipedia, e di incoraggiare altri a collaborare. In definitiva, dice, “Sarà un successo se non sarà più un mio progetto personale.”

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK