Gardner, R. A. & Gardner, B. T. (1969)

Pubblicato il 19 luglio 2018 da redazione

Insegnare la lingua dei segni a uno scimpanzé

Lo scopo di questo studio era dimostrare che uno scimpanzé ha la capacità di usare il linguaggio umano.

Ci sono stati molti tentativi di insegnare agli scimpanzè a usare il linguaggio. Tuttavia, alcuni dei primi tentativi erano destinati a fallire poiché questi studi (per esempio Kellogg e Kellogg 1933) stavano tentando di insegnare agli scimpanzé a parlare e il loro apparato vocale non era adatto a produrre suoni vocali.

Gardner e Gardner hanno tentato di insegnare a uno scimpanzé a usare una lingua non parlata utilizzando la lingua dei segni americana, utilizzata da molti sordi negli Stati Uniti.

È importante in primo luogo distinguere tra linguaggio e comunicazione come gran parte del dibattito sul fatto che i non umani possano usare il linguaggio o meno centri su queste definizioni di comunicazione e linguaggio.

La comunicazione è il processo di trasmissione di informazioni da un individuo o gruppo a un altro individuo o gruppo. Gli animali possono certamente comunicare tra loro. Il dibattito riguarda se possono usare qualcosa di simile al linguaggio umano per farlo.

La lingua è un piccolo numero di segnali (suoni, lettere, gesti) che da soli non hanno senso, ma che possono essere organizzati in combinazioni significative e usando determinate regole per creare un numero infinito di messaggi.

 

Procedura / Metodo
Lo studio è un report della prima fase di un progetto di formazione (Project Washoe) che coinvolge uno scimpanzé femmina chiamato Washoe. Si tratta di una sorta di case study in cui sono stati annotati i dettagli dei progressi di Washoe per un lungo periodo di tempo (32 mesi). Diversamente dalla maggior parte dei case study, non c’era alcun problema per il soggetto; questo era un tentativo deliberato di cambiare il comportamento del soggetto in un modo particolare per testare un’ipotesi. La variabile indipendente può essere pensata come il programma di allenamento e l’effettivo utilizzo dei segni la variabile dipendente Washoe.

 

I Gardner hanno deciso di usare uno scimpanzé come soggetto per una serie di motivi.

washoe_1

Lo scimpanzé è intelligente, socievole e capace di forti attaccamenti agli esseri umani, anche se è stato riconosciuto che il forte attaccamento dello scimpanzé potrebbe causare una serie di difficoltà.

Sebbene studi precedenti avessero fallito nel tentativo di insegnare agli scimpanzé a vocalizzare come gli umani, i Gardner riconobbero che gli scimpanzè sviluppavano facilmente i gesti delle mani.

I Gardners hanno deciso di utilizzare l’American Sign Language (ASL) per una serie di motivi. Ovviamente, l’abilità manuale dello scimpanzé, ma anche l’equivalenza strutturale dell’ASL alla lingua parlata e ampiamente usata tra i non udenti nel Nord America. Ciò consentirebbe ai Gardner di fare confronti con bambini sordi.

I Gardner decisero di volere uno scimpanzé giovane così da poter osservare uno stadio critico iniziale. Poiché gli scimpanzé da laboratorio appena nati sono molto scarsi, si è deciso per un cucciolo selvatico.

Quando Washoe (che prese il nome dalla contea di Washoe, la casa dell’Università del Nevada) arrivò in laboratorio nel giugno del 1966, si stima avesse tra 8 e 14 mesi. Poiché Washoe era molto giovane aveva solo un controllo rudimentale della mano e della vista, aveva appena cominciato a gattonare e dormiva molto. Pertanto per i primi mesi si fecero pochi progressi.

I Gardners si assicurarono che Washoe avesse molti compagni umani che dovevano padroneggiare l’ASL. L’ambiente fù progettato per fornire la massima stimolazione con il minor numero possibile di restrizioni.

Washoe è stata istruita principalmente usando l’imitazione e il condizionamento operante. Il condizionamento operante rinforza il comportamento che si desidera. I Gardner hanno scoperto che Washoe avrebbe imparato alcuni segni osservando e imitando, ma spesso “modellando” con le sue mani le forme dei nuovi segni che le venivano insegnati. Il comportamento veniva premiato lodandola e facendole il solletico.

Infatti, se fosse stata sottoposta a pressioni eccessive per ottenere un segno corretto, sarebbe scappata, avrebbe fatto i capricci o avrebbe persino morso il tutor.

 

I risultati

washoe02

Una caratteristica interessante del linguaggio umano è la sceneggiata che i bambini fanno con molti suoni privi di significato linguistico. Anche se, non sorprende, durante la fase iniziale del progetto, Washoe non ha cercato di emettere suoni, ha invece fatto molti segni privi di significato, che i Gardner chiamavano “balbettio manuale”.

Nelle annotazioni si è tenuta traccia della quantità dei diversi comportamenti, della forma e del numero di segni utilizzati.

Ognuno di questi segni è stato segnalato da tre diversi osservatori, e si è verificato in un contesto appropriato e spontaneamente (cioè senza alcun suggerimento diverso da una domanda come “che cos’è?” O “cosa vuoi?”). Come criterio di acquisizione è stata presa come frequenza significativa quella di almeno un evento appropriato e spontaneo ogni giorno per un periodo di 15 giorni giorni consecutivi.

Alla fine dei 22 mesi del programma, almeno 30 segni soddisfacevano questo severo criterio. Washoe stava anche dimostrando lo spostamento – che si riferisce a cose che non erano presenti. Poteva anche combinare spontaneamente due segni, ad es. “fammi il solletico”.

 

Spiegazione
I Gardner credevano di essere in grado di verificare la loro ipotesi, ossia che il linguaggio dei segni fosse un mezzo appropriato di comunicazione a due vie per lo scimpanzé. I Gardner a questo punto dello studio (32 mesi del programma) credevano che Washoe avrebbe sviluppato ulteriormente i suoi tentativi di linguaggio dei segni e che i suoi risultati sarebbero stati probabilmente superati da un altro scimpanzé.

 

Critiche allo studio dei Gardner
Il principale punto di forza del metodo di studio di questo caso era la grande quantità di dati approfonditi che i Gardner erano in grado di raccogliere sull’uso del linguaggio dei segni da parte di Washoe.

Tuttavia vale la pena ricordare che, per quanto i risultati sembrino impressionanti, è stato necessario un programma di allenamento molto artificiale e basato sulla produzione per portare Washoe a questo livello. Questo, chiaramente, non è il modo in cui i bambini umani di solito acquisiscono il linguaggio, quindi forse qualsiasi paragone tra uno scimpanzé come Washoe è semplicemente invalido e ci dice poco sulla questione fondamentale: il linguaggio è univoco per gli esseri umani? Forse ciò che è richiesto è un esempio di linguaggio di apprendimento degli scimpanzé in un contesto meno strutturato e più naturale. Ci sono altre critiche allo studio, per esempio che è stato lo studio di un solo soggetto e questo rende difficile generalizzare.

Tuttavia una delle critiche principali è di natura etica. Lo studio era necessario? Gli scimpanzé dovrebbero essere allevati da cuccioli? Gli scimpanzé dovrebbero essere prelevati dal loro habitat naturale? E’ giusto insegnare a degli scimpanzé qualcosa di così “innaturale”. e così via?

Un famoso Gorilla parlante, chiamato Gerald ha detto che quando è stato catturato era completamente selvaggio. Lui rispose “Selvaggio. Ero assolutamente livido! ”

 

Valutazione conclusiva
Non tutti gli psicologi concordano sul fatto che Washoe abbia acquisito un linguaggio. Questo dibattito è incentrato sulla difficoltà di definire esattamente quale sia la lingua. Ad esempio aveva comprensione semantica, era in grado di generalizzare da un soggetto a un altro, era in grado di dimostrare lo spostamento, ed era creativa con il linguaggio come quando combinava le parole. Un criterio che viene spesso usato come dimostrazione del linguaggio è la dipendenza dalla struttura (la natura modellata del linguaggio e l’uso di “blocchi strutturati”, ad esempio l’ordine delle parole). Sebbene Washoe combinasse alcuni segni in un ordine coerente (ad esempio “baby mine” piuttosto che “mine baby” / “solleticami” piuttosto che “io solletico”), non sempre sembrava preoccuparsi dell’ordine dei segni, ad es. era probabile che segnalasse “go sweet” come “sweet go”. Questa mancanza di dipendenza dalla struttura supporta l’argomento secondo cui solo gli umani hanno una propensione innata ad acquisire un linguaggio.

Anche l’uso di ASL da parte dei Gardner è stato criticato in quanto si sostiene che concentrandosi solo sul linguaggio della mano, ASL non fosse correlato alla lingua parlata come invece avrebbe potuto essere.

 

 

Tuttavia, va anche notato che, sebbene il programma di insegnamento documentato durò 32 mesi, il programma fu svolto dai Gardner fino a quando Washoe compì cinque anni. All’età di 4 anni era in grado di segnalare 132 parole diverse. Poteva anche creare più di 30 combinazioni di due e tre parole. Questo non è molto impressionante se paragonato a un umano di 4 anni con più di 3000 parole, ma è ancora molto più di quanto molte persone avessero ritenuto possibile. I Gardner hanno anche messo a punto un test in doppio cieco, per escludere la possibilità che la performance di Washoe fosse semplicemente una questione di comportamento dei suoi allenatori nel vedere ciò che volevano vedere nel suo comportamento. In questo test, un osservatore è stato posizionato in modo tale da essere in grado di vedere l’immagine mostrata da Washoe. L’altro osservatore è stato posto in modo tale da poter vedere Washoe e il segno che stava facendo, ma non l’immagine dello stimolo. A Washoe è stato chiesto di fare un segno per ogni immagine e l’osservatore ha dovuto scrivere ciò che lei aveva rappresentato. La procedura è stata anche videoregistrata. I Gardner hanno scoperto che, in queste circostanze, Washoe ha rappresentato un segno accurato al 72% delle prove. Inoltre, quando commetteva degli errori, spesso dava un segno di qualcosa che riguardava l’immagine, come segnalare un gatto quando le veniva mostrata l’immagine di un cane.

Washoe ora era anche in grado di coniare nuove parole: la prima volta che vide un cigno il suo allenatore le chiese “Cos’è?” e lei ha risposto un “uccello acquatico”. Washoe spesso facevi dei segni spontaneamente, dando inizio a “conversazioni” nel linguaggio dei segni con i suoi istruttori. Ha anche sviluppato, abbastanza spontaneamente, delle “parolacce” – parole che ha aggiunto alle sue altre espressioni per indicare dispiacere. Ad esempio, avrebbe firmato “sporco” prima del nome di qualcuno se non le fosse piaciuto. Le implicazioni, quindi, sono che stava usando le parole che aveva imparato per soddisfare le intenzioni comunicative: in realtà stava usando il linguaggio, piuttosto che produrre un comportamento di risposta agli stimoli.

 

 

traduzione a cura della Redazione

Lascia un commento

Advertise Here

Foto da Flickr

Guarda tutte le foto

Advertise Here

LINK